TREK 5500 OCLV Lance Armstrong US POSTAL 1999

Nel 1999 Trek Bicycles è diventato il primo produttore di biciclette al di fuori dell’Europa a vincere la gara ciclistica più prestigiosa del mondo, il Tour de France, con la prestazione trionfale del leader Lance Armstrong.
Armstrong ei suoi implacabili compagni di squadra correvano su telai in carbonio Trek 5500 OCLV, rendendoli l’unica squadra del Tour de France a correre su telai identici a quelli disponibili per i consumatori di tutto il mondo. Grazie alla tecnologia Optimum Compaction, Low Void (OCLV), il 5500 è stato il telaio di produzione più leggero al mondo, con un peso di appena 912 g.

Il Trek 5500 di Lance Armstrong è stato il primo telaio full-carbon ad essere pilotato alla vittoria del Tour de France.

Lance Armstrong è stato il primo uomo a vincere il Tour de France su una bicicletta full-carbon (1999).

Shimano ha equipaggiato la bicicletta nel 1999. Nel 2003, Shimano Dura-Ace è uscito con 10 velocità ed è stato utilizzato per la prima volta su una bicicletta che si dice sia stata la più leggera mai utilizzata nel Tour – Armstrong ha continuato a ridurre ulteriormente il peso utilizzando leve cambio al telaio nelle tappe di grande montagna.

Paris-Roubaix 2006 – La Trek SPA prototipo di George Hincapie

Quando George Hincapie volava sul pavè della Roubaix nel 2006, l’americano ha avuto un piccolo aiuto dal suo sponsor Trek ….certo, ha avuto sempre grandi gambe in quella gara, ma poteva essere più veloce e fresco… perché il suo prototipo della Trek aveva una nuova sospensione, la tecnologia Trel è chiamata SPA (Suspension Performance Advantage). Trek affermava che la SPA riduceva lo shock della strada sconnessa e forniva una maggiore trazione, e un trasferimento della potenza più efficiente, grazie alla sospensione leggera incorporata nei foderi. Sviluppato originariamente da Gary Klein nel 2001, il sistema SPA è una semplice molla in elastomero microcellulare, fornisce una corsa di 13 mm (1/2 pollice) e non si basa su snodi articolati per l’azione della sospensione.

C’erano dei dubbi che il prototipo Trek SPA avrebbe superato l’ispezione tecnica dell’UCI prima della Roubaix, ma la Discovery Channel con il team manager Johan Bruyneel con gli ufficiali di gara hanno raggiunto un accordo sulla bici di Big George che si è piazzato al secondo posto nella 103esima edizione della Paris-Roubaix (2005), nel 2006, la sfortuna ha colpito Hincapie nel settore acciottolato di Mons-en-Pévèle, quando il tubo forcella della sua Trek si è spezzato, lasciandolo con il manubrio in mano, cadendo rovinosamente. Era vicino al gruppo di testa ma ha dovuto abbandonare la gara.

“Mi chiedo se fosse stato più fortunato come sarebbe andata… Era così forte sul pavè quel giorno!”


La bicicletta di riserva di George Hincapie per la Paris-Roubaix 2006


La tubazione verticale modificata del modello Trek 5200


Il sistema S.P.A. (Suspension Performance Advantage)


Forcella Bontrager OCLV in carbonio con canotto in alluminio


Accessori e componentistica Bontrager


Forcellini posteriori ampi e freni con pinze più lunghe per far passare il fango


Ruote ad alto profilo Bontrager Aeolus 5.0 con tubolari


Mozzi a 14 raggi DT-Swiss


Telaio al movimento centrale ampiamente sovradimensionato


Cassetta rapporti Shimano Dura-Ace 12-23, guarnitura 44/53 denti


Tubolari Hutchinson Carbon Comp misura 23 mm


Freni Shimano Ultegra lunghi 57 mm, lunghezza maggiorata per lasciare piu’ spazio per le gomme


Tappi manubrio Trek Bontrager BuzzKil, sul pavè le vibrazioni sono elevate, questo sistema si attiva e annulla l’onda d’urto.


La bicicletta speciale Trek di George Hincapie. Paris-Roubaix 2006 “L’inferno del Nord”

Lance Armstrong Trek 5500 OCLV US Postal Service

Quando Lance Armstrong tornò a correre nel 1998 con la US Postal, la Trek ha fornite le biciclette per il team in carbonio OCLV, una vera innovazione.

OCLV sta per Optimum Compaction Low Void, che ha a che fare con il modo in cui gli strati di fibra di carbonio sono laminati nel telaio. Il progetto del telaio è stato realizzato a Waterloo, Wisconisn seguendo gli standard dell’industria aeronautica per la fibra di carbonio.

Grazie alla tecnologia Optimum Compaction Low Void (OCLV), la Trek 5500 è stato nel 1998 il telaio più leggero al mondo, con un peso di appena 912g.

LANCE ARMSTRONG

Museo Francesco Moser – Maso Villa Warth

Il Museo Francesco Moser non è un monumento alla “grandeur”. È una bella storia di famiglia. Invece di parole, oggetti. «Lo abbiamo fatto per gli sportivi, per la gente che passa. Chi viene a prendere il vino da noi, ci fa mille domande. Qui ci sono risposte», spiega Francesco. Gli oggetti, però, hanno un’anima, parlano. «La maglia rosa è per me il ricordo più caro. Ho inseguito la vittoria al Giro per 11 anni pri­ma di coglierla».
Le biciclette, come insetti eleganti, sono allineate su una pista di legno d’abete lunga 16 metri. Le bacheche contengono maglie e medaglie. Le coppe scintillano nelle vetrine. «Sarà una questione genetica. Forse una tradizione culturale. Ma ci troviamo bene in sella», dice Fran­cesco. «La bicicletta è stata il nostro ca­vallo dei sogni, ma an­che della realtà».

da La Gazzetta dello Sport

Elegantisima AA05 Gentleman singlespeed pronta per Alberto

Da una vecchia Atala che “tirava gli ultimi”… Alberto (AA05) mi ha chiesto una personalissima urban per girare a Messina… eccola in tutto il suo splendore.
Verniciatura elegante blu con finiture in bianco, accessoriata con elementi cromati e accessori in legno elegantissimi.
Manubrio dritto in legno di rovere con orologio incassato, pedali in legno di rovere, parafango corto.

Una bicicletta unica di Classe!

singlespeed-vintage-bicycle-wooden-old-bici-aa-oldbici-10 singlespeed-vintage-bicycle-wooden-old-bici-aa-oldbici-2 singlespeed-vintage-bicycle-wooden-old-bici-aa-oldbici-5 singlespeed-vintage-bicycle-wooden-old-bici-aa-oldbici-15 singlespeed-vintage-bicycle-wooden-old-bici-aa-oldbici-3

Gentleman scatto fisso – Pure Class

** SOLD ** – Bici scatto fisso elegante finiture in legno

Bicicletta NUOVA, realizzata da un telaio pregiato epoca Maffioletti anni ’50, guarnitura epoca Agrati, parafanghi, manubrio, reggisella e cerchi ruote in legno di rovere. Sella in pelle scamosciata San Marco Regal. Pezzo unico da collezione.

Tutte le foto QUI

nb-gentleman-oldbici-fixed-bikeporn NB-gentleman-oldbici-wooden-bike-1 wooden-bicycle-special-gentleman-oldbici-1 wooden-bicycle-special-gentleman-oldbici-7 wooden-bicycle-special-gentleman-oldbici-8

Per qualsiasi informazione contatto via e-mail info@oldbici.it

Bianchi Reparto Corse Mercatone Uno – Tour de France 1998 – Pantani

Tutti i dettagli:

Bianchi Mercatone Uno – Tour de France 1998Marco Pantani

Complete bike specifications:
Frame: Bianchi Mega Pro XL Reparto Corse, Dedacciai double-butted 7000-series aluminum
Fork: Time carbon fork
Headset: Campagnolo Record threadless
Stem: ITM Big-One 110 11°
Handlebars: ITM Super Italia Pro 260, 42cm (c-c)
Tape/grips: Bianchi cork
Front brake: Campagnolo Record
Rear brake: Campagnolo Record
Brake levers: Campagnolo Record
Front derailleur: Campagnolo Record Titanium
Rear derailleur: Campagnolo Record Titanium – 9 speed
Shift levers: Campagnolo Record Ergopower Carbon BB System – 9 speed
Shifter front: Campagnolo shifter syncro – 9 speed
Cassette: Campagnolo Record 11-23T
Chain: Campagnolo Record – 9 speed
Crankset: Campagnolo Record 170mm – 54/44T
Bottom bracket: Campagnolo Record
Gear cable adjuster: Campagnolo Record alloy gear cable adjuster
Pedals: Time Equipe EQ MAG bioposition 8.5 – Red
Wheelset: Campagnolo Electron tubular
Quick release: PMP titanium
Tires: Vittoria Atlanta tubular, 22-28″
Saddle: Selle Italia Flite Titanium – Signature edition
Seatpost: PMP Bianchi 101 Pant. titanium
Seatpost bolt: PMP titanium 27.2
Bottle cages: Elite Ciussi stainless steel

Accessories:
Bicycle Computer: ECHO J-12 Echowell – Red carbon cover
Deda Dog Fang chain keeper: Deda Dedacciai
Water bottle: Coca-Cola Tour de France

 

pantani-bianchi-mega-pro-tour-98-oldbici-10 pantani-bianchi-mega-pro-tour-98-oldbici-18 pantani-bianchi-mega-pro-tour-98-oldbici-19 pantani-bianchi-mega-pro-tour-98-oldbici-14 pantani-bianchi-mega-pro-tour-98-oldbici-5 pantani-bianchi-mega-pro-tour-98-oldbici-12

Bianchi Mercatone Uno – Marco Pantani Tour de France 1998

Dopo 2 anni di ricerche… finalmente oggi ho concluso una bici che da tanto tempo desideravo realizzare, la bici del più grande di tutti, la bici di Marco Pantani, la bici del 1998, l’anno del Pirata che con la sua Mercatone Uno vinceva Giro e Tour. Il 1998 è il suo anno, quello che lo consegna definitivamente alla leggenda.

È il primo italiano a trionfare nei due giri nello stesso anno dopo Fausto Coppi ed è l’ultimo corridore che ci sia riuscito. Dopo di lui nessuno sarà più in grado di arrivare a tanto. Soprattutto al Tour de France le sue imprese sono irripetibili: nella tappa di Les Deux Alpes, attacca sul Galibier nel pieno di una tempesta, rifila minuti su minuti a tutti gli avversari e taglia il traguardo da solo dopo una giornata epica. Tutto il mondo è senza parole, le sue gesta ricordano quelle dei campioni in bianco e nero, lontano dalle tecnologie e dai nuovi atleti più simili a dei robot. La carriera di Pantani, a 28 anni, è all’apice. Nel 1999 torna al Giro d’Italia per bissare il successo. La corsa è disegnata su misura per lui: è un giro pieno di montagne, con salite durissime e pochi chilometri a cronometro…

Il resto lo voglio dimenticare…

pantani-bianchi-mega-pro-tour-98-oldbici-19

“Vado così forte in salita per abbreviare la mia agonia.”
(Marco Pantani)

pantani-bianchi-mega-pro-tour-98-oldbici-11

“Quando Pantani scattava, mi voltavo dall’altra parte.”
(Laurent Jalabert)

pantani-bianchi-mega-pro-tour-98-oldbici-5

“A 2 Km dalla vetta mi sono detto vai Marco o salti tu o salta lui…E’ saltato lui.”
(Marco Pantani)

Gentleman singlespeed, accessori in legno OLDBICI

Sono bastati due mesi di lavoro nei week-end liberi… per tirar fuori da un bellissimo telaio Maffioletti degli anni ’40 questo gioiellino. Dopo la verniciatura.. di un colore fantastico ho montato una elegantissima guarnitura Agrati degli anni ’50, e accessoriato con componenti in rovere lucidati con cera d’api… sa di un profumo che non vi dico.. tocco finale ho montato un campanello a martellino sempre utile 😉

Spero vi piaccia! Di seguito le solite foto gallery!
Questa volta pero’ si è meritata un vero servizio fotografico… dateci un occhio!

Ciao Nicola

1 – Telaio Maffioletti anni ’40

2 – Verniciatura telaio Maffioletti

3 – Montaggio

4 – SERVIZIO FOTOGRAFICO COMPLETO

wooden-bicycle-special-gentleman-oldbici-4

wooden-bicycle-special-gentleman-oldbici-9

wooden-bicycle-special-gentleman-oldbici-7

Sir Bradley Wiggins ha scelto OLDBICI

Sir Bradley Wiggins “Wiggo” ha scelto una Old Bici per impreziosire la sua collezione di biciclette storiche.
Una vera soddisfazione.

Sir Bradley Wiggins “Wiggo” has chosen Old Bici to enrich his historical bicycle collection.
Great satisfaction.

Questa la sua nuova Old Bici – This is his new Old Bici

colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-12 colnago-molteni-eddy-merckx-old-bici-nicola-brunelli-28 colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-5 colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-1 colnago-molteni-eddy-merckx-old-bici-nicola-brunelli-37 colnago-molteni-eddy-merckx-old-bici-nicola-brunelli-33 colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-3

Eddy Merckx – Colnago Molteni 1974

Complete bike specifications – Specifiche complete bicicletta:

Attualmente questa bicicletta fa parte della collezione privata di Bradley Wiggins

Frame – Telaio: 56cm c-c Columbus SL – Colnago Super mod. Molteni 1974
Fork – Forcella: Columbus Colnago
Groupset – Gruppo: Campagnolo Super Record

colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-1

Headset – Serie sterzo: Campagnolo Super Record – Campagnolo 4041, Super Record
Stem – Attacco manubrio: Cinelli mod. 1A – 120mm
Handlebars – Curva manubrio: Cinelli 64 Giro D’Italia (70’s model)
Tape/grips – Nastro manubrio: Cinelli (cotton white) – Cinelli bar end caps
Front brake – Freno anteriore: Campagnolo Super Record – Campagnolo 4061, Super Record (v1)
Rear brake – Freno posteriore: Campagnolo Super Record – Campagnolo 4061, Super Record (v1)
Brake levers – Leve freno: Campagnolo Super Record – Pant. Colnago
Front derailleur – Deragliatore: Campagnolo Record 1052/1 (1973-1977)
Rear derailleur – Cambio: Campagnolo Super Record – Campagnolo 4001, Super Record (1st Generation)
Downtube Shifters – Leve cambio: Campagnolo 1014, Record (a fascetta)
Cassette – Pacco pignoni: Regina Extra – 5V freewheel, 5 speed, 14-24
Chain – Catena: Regina Extra
Crankset – Guarnitura: Campagnolo Super Record – Campagnolo 1049/A, Strada Super Record
Bottom bracket – Movimento centrale: Campagnolo Super Record – Campagnolo 4031, Super Record (Second Gen)
Pedals – Pedali: Campagnolo 1037/a Superleggeri (SL) pedals
Wheelset rims – Ruote cerchi: Nisi (tubular)
Hubs – Mozzi ruota: Campagnolo Super Record – Campagnolo 4014, Super Record (Low Flange, Ti Spindle)
Tire tubular – Gomme tubolari: Vittoria
Saddle – Sella: Cinelli Unicanitor mod. Buffalo #2
Seatpost – Reggisella: Campagnolo Super Record 27.2 – Campagnolo 4051, Super Record (Campagnolo Script)

OTHERS – ALTRO:
Steel Toe clips – Puntapiedi: Campagnolo
Cable Housing Clips – Fascette guaina freno: Campagnolo
Seatpost Pin Bolt – Vite reggisella: Campagnolo
Quick releases – Bloccaggi ruote: Campagnolo
Bottle cage – Portaborraccia: REG cage white

colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-8 colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-5 colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-3 colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-11 colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-10 colnago-super-molteni-1974-eddy-merckx-vintage-bicycle-oldbici-9